Ed ecco che piano piano si riparte. A seguito di questa pandemia che in maniera decisamente parossistica ha causato due mesi di sacrifici e di blocco totale di qualsiasi attività, i lavoratori finalmente stanno vedendo una via di uscita da questa realtà paradossale.

Di conseguenza, molte cose sono cambiate: tra queste, rientrano sicuramente le norme di sicurezza e di tutela sul lavoro. Misure generali di prevenzione e protezione che sono senza alcun dubbio mutate, o per meglio dire, rafforzate.

L’importanza della sicurezza sul lavoro

Di qualsiasi lavoro si tratti, e indipendentemente dal Covid-19, la gestione della salute e della sicurezza sul lavoro (SSL), è sempre stata una caratteristica imprescindibile per la costituzione di un’azienda. Per questo motivo, da 15 anni, i datori di lavoro hanno il dovere di prendersi cura della salute, della sicurezza e del benessere dei dipendenti.

Con l’abbreviazione SSL, appunto, si intendono tutte le misure preventive e protettive che mirano a ridurre al minimo, o evitare, i possibili rischi del lavoro e, dal 2005, il datore di lavoro è quantomeno obbligato a disporre sempre una valigetta o un kit di pronto soccorso nel suo ambiente lavorativo, a prescindere da che azienda sia.

In realtà, c’è una vera e propria normativa che regola la presenza e l’utilizzo della cassetta del pronto soccorso ed è contenuta nel “Testo Unico della sicurezza sul lavoro” (D.Lgs. 81/2008 e s.m.i.). Questa stessa normativa, suddivide le aziende in 3 gruppi, a seconda del numero dei lavoratori, del settore produttivo, e dei rischi professionali (biologici, chimici, fisici, psicosociali).

In questa categoria rientrano le aziende ad elevato rischio infortunistico (indice di inabilità permanente superiore a 4), soggette all’obbligo di dichiarazione e con oltre 5 lavoratori.

Aziende del gruppo B

Appartenenti a questo gruppo sono le aziende/unità produttive con un numero di dipendenti uguale o superiore a 3, di altra tipologia rispetto alle aziende del gruppo A.

Aziende del gruppo C

Di questo gruppo, tutte le aziende con un numero di dipendenti inferiore a 3, sempre di altra tipologia rispetto alle aziende del gruppo A.

Ma il kit per il primo soccorso non deve essere soggetto esclusivamente a normativa per essere acquistato, anzi. Esso è indispensabile non solo a lavoro, ma anche in casa, negli ambienti sportivi, in garage, nell'automobile, o comunque in qualsiasi luogo dove si svolga saltuariamente un’attività.

La soluzione perfetta a portata di mano

È vero, stiamo parlando di misure preventive, eppure la cassetta per il pronto soccorso ha poco a che fare con la prevenzione. In realtà, a seconda della struttura in cui ci si trovi, esiste un kit del primo soccorso utile e completo per ogni emergenza.

Si tratta di valigette, zaini, borse, armadietti o pacchi di reintegro pronti per qualsiasi necessità. Basta solo scegliere.

Esistono, infatti:

  • Cassetta Family: una cassetta di primo soccorso meno ingombrante ma comunque completa per un uso domestico, d’ufficio, in auto, o in barca;
  • Valigetta Trix completo per casa o auto (in polipropilene antiurto);
  • Zaino di emergenza per un pronto soccorso professionale pensato per i vigili del fuoco, per i corpi forestali, o in caso di escursioni complicate. Questo prodotto contiene tutti i prodotti utili per medicare, rianimare ed effettuare un’eventuale terapia d’urgenza. Per rendere il lavoro più facilitato, uno zaino di questo tipo comprende 4 borsette in nylon di colori diversi, ognuno per un utilizzo specifico e per una rapida visualizzazione;
  • Kit emergenza della tipologia “Gima” che parte da quello più economico senza bombola, fino ad arrivare al modello completo. Un kit di pronto soccorso come questo, comprende tutto il necessario per gli operatori sanitari professionisti che si trovano a fronteggiare casi d’emergenza ogni giorno;
  • Armadietto, cassetta o kit primo soccorso per aziende con meno di 3 dipendenti ideati per piccole aziende, o da installare sugli automezzi di servizio;
  • Armadietto o kit pronto soccorso per aziende con più di 3 dipendenti (Aziende A-B);
  • Kit di pronto soccorso per la BLS, procedura che comprende la rianimazione cardiopolmonare e le azioni di base di supporto alle funzioni vitali (compreso di pallone AMBU);
  • Borsa per il pronto soccorso specifica per i medici sportivi, palestre, squadre di calcio, calcetto, pallavolo, basket, scuole di nuoto e club sportivi. Questa è munita di bande, garze, cerotti, medicazioni, ghiaccio spray ed ausili per una rianimazione atletica ideale.

Come si può notare, l’offerta è davvero vasta, ma questi sono solo alcuni degli articoli disponibili sul nostro sito. Per tutti quelli in cerca della scelta della giusta cassetta di primo soccorso, c’è la possibilità di scegliere ulteriori modelli, o ulteriori articoli d’ausilio di questo tipo, direttamente nella pagina propriamente dedicata su medisanshop.com.